Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Home

Angiologia

Angiologia

L'angiologia è quella branca della medicina che studia l'anatomia e le patologie che colpiscono i vasi sanguigni e quelli linfatici.

La parola deriva dal greco angios (vaso) e logos (studio).

Tra le patologie che colpiscono i vasi arteriosi ci sono l'aneurisma, l'aterosclerosi e la dissecazione dell'aorta, la trombosi e l'embolia.

Tra quelle quelle che colpiscono i vasi venosi ci sono le vene varicose, l'insufficienza venosa cronica e la trombosi venosa, mentre i vasi linfatici sono interessati principalmente da casi di linfededema primario o secondario e linfangite.

L'angiologia si occupa anche della modifica dei fattori di rischio nel caso di valori alti di colesterolo e pressione sanguigna.

Lo studio del sistema venoso si chiama flebologia.

Scintigrafia miocardica

Scintigrafia miocardica

 

 

 L'apparecchiatura che viene utilizzata a tale scopo è costituita da cristalli a scintillazione che consentono la visualizzazione del radionuclide all'interno dell'organismo fornendo un'immagine radiologica istantanea.

Mediante acquisizioni tomografiche è inoltre possibile lo studio tridimensionale dell'organo (PET E SPECT). Questi cristalli quando vengono colpiti dalla radiazione o dalla particella atomica contenuta nel radiofarmaco, che viene iniettato al paziente, emettono luce consentendo all'apparecchiatura di catturarla e convertirla in un segnale digitale per l'analisi computerizzata.

Ecocardiografia tridimensionale

Ecocardiografia tridimensionale

 

Recentemente è stata introdotta l'Ecocardiografia 3D (tridimensionale) che consente una migliore valutazione "d'insieme" del cuore.

La metodica si sta dimostrando particolarmente utile nello studio delle malattie valvolari, specie per la valvola mitrale ed in quello dei difetti interatriali.

Aritmologia Clinica

Aritmologia Clinica

 

 All'ambulatorio di Aritmologia afferiscono pazienti con disturbi legati ad una aritmia cardiaca sospetta o già diagnosticata.

Vengono inoltre valutati i pazienti con insufficienza cardiaca per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa o potenzialmente candidati alla terapia resincronizzante.